Ultime notizie

Mille di queste biciclette

set 24, 2013
Jim Christnacht

Nel 1994, nella città di Helena nel Montana, il Kiwaniano Jim Christnacht vide, nel dipartimento di polizia, un gran numero di biciclette sequestrate ed ebbe una grande idea.

“Pensai a tutte le persone e ai bambini che avevano bisogno di una bicicletta ma non l'avevano ", dice. "Ho chiesto al dipartimento di polizia se potevo averne qualcuna da aggiustare e donare a chi ne aveva bisogno, come esperimento. L'esperimento superò di gran lunga le sue aspettative!”

Il progetto ebbe inizio nel 1994 poco dopo il suo pensionamento dal governo statale del Montana. Jim si era fissato l'ambizioso obiettivo di donare 1.000 biciclette e…19 anni dopo, lo ha quasi raggiunto.

Jim spiega: "All'inizio ho contattato scuole e gruppi no-profit a sostegno dei bambini," come Big Brothers Big Sisters e l'YMCA di Helena. 

“Poi ho contattato gruppi non-profit che lavorano con adulti vulnerabili, metodo che continuo ad usare ancora oggi".

E…le bici hanno trovato la strada anche verso l'YWCA di Helena, l'Ospedale Pediatrico Shodair, l'Esercito della Salvezza (organizzazione internazionale cristiana di beneficenza che sostiene i poveri e le persone colpite da calamità), e la West Mont (una non-profit che aiuta i cittadini con disabilità del Montana).

Dopo tanti anni di service, Christnacht è noto in tutta la comunità per la sua capacità di aggiustare biciclette. "A volte le persone passano il mio nome ad altre che hanno bisogno di una bici".

Dice che ha imparato a riparare biciclette "per necessità. ... Quando ero al liceo a Washington, io e i miei amici non avevamo l'auto. Dovevamo andare in bicicletta per cinque miglia, sole o pioggia. Io e mia moglie abbiamo quattro figli e una figlia, così mi sono sempre occupato della manutenzione delle bici.”

Oggigiorno riparare bici è diventato simile ad un altro lavoro. Ma le lettere di ringraziamento che lui e il suo club Kiwanis ricevono continuano a motivare il suo impegno. Ad esempio, una cartolina e una lettera del Friendship Center (Centro dell'Amicizia), rifugio per vittime di violenza domestica e sessuale di Helena, contiene tanti messaggi di famiglie e del personale.

“Grazie. Grazie. Grazie! La gioia che una bici può portare a una persona è immensa. Hai aperto alle nostre famiglie tantissime possibilità", si legge in una cartolina. "I bambini hanno apprezzato queste bici davvero tanto! Credo gli unici momenti in cui non sono sulla bici è quando mangiano o dormono! ", Condivide un'altra missiva.

"La tua gentilezza e l'impegno ad aiutare gli altri è una fonte di ispirazione per tutti noi del Montana", ha scritto l'ex governatore Brian Schweitzer. "So che queste bici portano tanta gioia ai bambini che le ricevono e saranno messe a buon uso per anni a venire.”  — Courtney Meyer

Avete una storia del Kiwanis da condividere? Inviatela a: shareyourstory@kiwanis.org e la prenderemo in considerazione.

Nel vostro club Kiwanis ci sono soci che hanno grandi sogni e progetti? Raccontateci, nella sezione commenti qui di seguito, come il club li sostiene.

blog comments powered by Disqus