Ultime notizie

Il Kiwanis aiuta i giovani in un turismo creativo

nov 18, 2013
A Flat Stanley looks out over Pittsburg
Una famosa frase di Sant'Agostino dice: "Il mondo è un libro e coloro che non viaggiano ne leggono solo una pagina." Un Club Kiwanis della Pennsylvania ha aiutato un insegnante a scoprire un modo nuovo e creativo per fare lezioni di geografia che hanno preso a cuore quelle parole famose.

Il Club Kiwanis Sheraden di Pittsburgh in Pennsylvania ha trovato un modo semplice per portare il sorriso sui volti dei bambini, grazie alla fantasia di Brandon Whitfield, figlio di due soci, che insegna in una scuola elementare a Charlotte, Carolina del Nord.

"Brandon voleva far partecipare i suoi studenti ad un'esperienza fuori dalla città di Charlotte, ma temeva che il livello di povertà dei suoi allievi non avrebbe permesso la partecipazione di tutti", spiega Debbie Whitfield, past presidente del club.

Ha tratto ispirazione da un libro per bambini del 1964 intitolato "Flat Stanley" (Il Bambino Piatto), dove un ragazzo di nome Stanley Lampchop rimane appiattito da un tabellone appeso sopra il suo letto durante il sonno. Il Kiwanis Club ha aiutato Brandon a creare un modo conveniente per i suoi allievi di fare qualche giro turistico in un'altra città. La forma appiattita permette a Stanley di avere molte avventure, spesso piegandosi in una busta e spedendosi agli amici.

Il libro doveva servire per insegnare la matematica, la geografia e la comprensione della lettura,  ma poi la lezione ha assunto una vita propria. Brandon, che dalla Pennsylvania si era trasferito nella Carolina del Nord, ha dato alla sua classe uno scenario semplice. "Sentivo la mancanza di casa mia, allora ho presentato ai bambini la mia famiglia e i miei amici".

Gli allievi hanno disegnato immagini di se stessi su cartoncini, creando "persone piatte", attraverso le quali conoscere la Pennsylvania. Prima che le loro immagini iniziassero il viaggio, gli allievi hanno cercato la città di Pittsburgh sulla mappa e discusso di come se la immaginavano. Quando le lettere di presentazione e le persone piatte degli allievi arrivavano​​, i soci del club Sheraden portavano i cartoncini con le figure dei bambini in giro per Pittsburgh per due settimane.

Il club ha accolto il progetto con grande partecipazione. "Il mio Elia piatto veniva a lavorare con me all'Università di Pittsburgh, andava a lavarsi i denti alla scuola di educazione dentale, poi andava al museo dei bambini, sulla funicolare in salita, in slitta a cavallo con i miei nipoti e ha perfino conosciuto il sindaco di Pittsburgh," dice Debbie Whitfield. "I nostri soci hanno compilato album di ritagli, lettere e alcuni souvenir assortiti. Una di loro è andata a Hershey ed ha mandato sacchetti di baci di cioccolata per i bambini veri a Charlotte".

"Ai bambini è piaciuto tantissimo, e vederli sorridere quando ricevevano le loro lettere è stato meraviglioso!" riflette Brandon Whitfield.

L'esperienza ha insegnato agli allievi molte cose, ma anche i kiwaniani ne hanno beneficiato. "Penso sia stato un gran progetto per tutti", dice Debbie Whitfield. "Ha dato ai ragazzi informazioni su zone al di fuori della loro comunità, e a noi ha dato l'opportunità di vedere la vita attraverso gli occhi dei bambini! L'unico limite a quello che si può fare è dato dalla nostra immaginazione.”  — Courtney Meyer

Avete una storia del Kiwanis da condividere? Inviatela a: shareyourstory@kiwanis.org e la prenderemo in considerazione.

Il vostro club ha progetti per educare i bambini? Raccontateceli nella sezione commenti qui di seguito.


blog comments powered by Disqus