Ultime notizie

  • Frigoriferi di salvataggio

    giu 29, 2013

    The Kiwanis club president and the Jamaican Minister of Health

    Ecco cosa può accadere quando i soci del Kiwanis parlano con gli operatori sanitari: il premiato programma di vaccinazione infantile del loro paese diventa ancora migliore.

    Non è una sorpresa se all’incontro tra il Kiwanis Club di Costant Spring a Kingston e il Ministero della Sanità della Giamaica si sia finito per parlare del programma di vaccinazione del paese. Creato nel 1977, il programma è stato recentemente citato come modello per la regione dall'Organizzazione Sanitaria Panamericana. Fin dall'inizio una serie di malattie prevenibili con vaccino sono state eliminate e di conseguenza si è ridotta la mortalità dei neonati e dei bambini.

    Poiché l'obiettivo principale del programma sono i bambini al di sotto dei sette anni, il club Kiwanis ha avuto l’idea di acquistare e donare due frigoriferi a due cliniche che ne avevano bisogno. Grazie ad un elenco nazionale predisposto dal Ministero della Sanità, il club ha potuto capire dove meglio indirizzare le donazioni.

    “È un ottimo progetto che ha un effetto di grande portata all'interno del programma di vaccinazioni del Ministero della Sanità ", dice Rosemarie Cielo, past-presidente del club. "Va segnalato il fatto che sono stati assegnati a due cliniche rurali dove quasi certamente il bisogno è ancora maggiore.”

    I frigoriferi, del valore di 100.000 JMD, sono stati assegnati alle Cliniche York Town Health di Clarendon e Bethel Town Health di Westmoreland. In precedenza entrambe le cliniche conservavano i vaccini in frigoriferi vecchi e rotti con spazio insufficiente.

    “Questo frigorifero ha soddisfatto una necessità di vecchia data, in questa zona mancava un frigorifero funzionante da diversi mesi, i vaccini dovevano essere conservati presso altre strutture e trasportati al momento del bisogno", spiega Marcella Tomlinson, coordinatrice del programma di vaccinazioni presso il Dipartimento della Sanità di Clarendon. –Courtney Meyer

    Avete una storia del Kiwanis da condividere? Inviatela a: shareyourstory@kiwanis.org e la prenderemo in considerazione.

    Il vostro club Kiwanis ha mai sostenuto un'iniziativa governativa? Raccontateci la vostra esperienza nella sezione commenti qui di seguito.

  • Sostegno medico per i più bisognosi

    giu 29, 2013

    Denton Kiwanis Club Children's Clinic sign

    Dalla sua nascita, nel dicembre 1921, il Kiwanis Club di Denton, nel Texas, si è dedicato a sostenere le esigenze mediche di famiglie svantaggiate. Questo impegno si è trasformato in una clinica pediatrica che ora aiuta più di 300 bambini l'anno.

    Nei primi anni il club organizzava feste di Natale e alcuni bambini ricevevano le somme necessarie per andare dal medico o dal dentista. La generosità del programma ha suggerito analoghe richieste di sostegno economico e nel 1923 il ha club creato la Commissione "Bambini Sottoprivilegiati" per dare la giusta priorità alle richieste di sostegno. Ben presto anche questo divenne insufficiente.

    Nel 1938 fu costituita la Clinica Kiwanis di Denton e fu assunto un segretario esecutivo per gestire le richieste. La maggior parte delle prime richieste erano per tonsillectomia, visite oculistiche, sedie a rotelle e tutori per pazienti poliomelitici. Il service a costi ridotti, che a quel tempo comprendeva attività di volontariato da parte dei medici, permetteva al club di pagare da 2 a 3 dollari per i ricoveri in ospedale.

    Nel corso degli anni, il progetto è cresciuto, come pure le raccolte fondi per sostenerlo. Per sostenere la causa sono stati realizzati, oltre ad un fondo fiduciario, un evento di degustazione cibi, uno spettacolo di fuochi d'artificio, una mostra d'auto e perfino una festa di quartiere con un sosia di Elvis.

    “Siamo in grado di offrire ai bambini trattamenti per problemi che altrimenti andrebbero ignorati", dice la Segretaria Esecutiva del club e della clinica, Robin Meyer. "I volti dei bambini che necessitano di cure odontoiatriche sono a volte spaventosamente gonfi. Ma se non hanno l'assistenza pubblica non possono curarsi ... Molti genitori non hanno i soldi per pagare la cura di una carie. Alcuni possono andare al pronto soccorso per le cure, ma poi non possono permettersi i farmaci delle prescrizioni mediche.”

    Oggi la maggior parte dei bambini sono inviati alla nostra clinica dagli infermieri delle scuole che individuano i problemi, altri ci arrivano grazie al passaparola, l'indicazione di istituti o altro. Le famiglie a basso reddito ricevono un voucher dalla Clinica Kiwanis da presentare al loro medico di famiglia, che serve a coprire i costi delle prescrizioni, cure mediche o visite odontoiatriche.

    La Meyer dice che la comunità è molto ricettiva nei confronti del programma e non è mai mancato il sostegno per quello che molti vecchi soci chiamano "la punta di diamante del club", e i destinatari ne sono infinitamente grati. "Abbiamo una 'brigata della raccolta' che va in giro durante lo spettacolo pirotecnico e chiede donazioni per la clinica," dice la segretaria. "Una volta un signore mi ha dato 20 dollari dicendo che anni prima il suo bambino era stato curato nella clinica, si era ammalato e lui non aveva i soldi per curarlo, ma noi c'eravamo. Diversi genitori si sono anche offerti di venire a fare le pulizie al club o di aiutare nel lavoro d'ufficio per ripagare il service ricevuto.”

    La Meyer è orgogliosa e mostra una lettera di ringraziamento del 1940, scritta da un ragazzo di 16 anni operato di appendicite. Legge una frase: "Ho sempre pensato a questa organizzazione come a una cosa straordinaria e ora ne sono convinto più che mai.” –Courtney Meyer

    A family helped by the Kiwanis Clinic

    Avete una storia del Kiwanis da condividere? Inviatela a: shareyourstory@kiwanis.org e la prenderemo in considerazione.

    Il vostro club Kiwanis sostiene casi di problemi di salute nella vostra comunità? Raccontateci la vostra esperienza nella sezione commenti qui di seguito.

  • Elezioni e azioni prese sugli emendamenti di Vancouver

    giu 29, 2013

    Riportiamo qui di seguito i risultati delle azioni prese  dall'Assemblea dei Delegati alla Convention del Kiwanis International del 2013 a Vancouver, nella Columbia Britannica:

    Elezioni

    I seguenti individui sono stati eletti a servire il Kiwanis International.

    Presidente: Gunter Gasser, Distretto Austria
    Presidente eletto: John R. Button, Canada Orientale e Distretto dei Caraibi

    Trustees 

    Stati Uniti e Regione Canada Pacifico: 

    Regione Asia-Pacific:

    Florencio C. “Poly” Lat, Distretto Filippine Luzon, eletto lo scorso marzo per un periodo di tre anni durante la Convention 2013 Asia-Pacifico in Hiroshima, Giappone.

    Regione Europa:

    Marcel Kreienbühl, Distretto Svizzera-Liechtenstein, eletto per un periodo di tre anni durante la Convention Internazionale della Federazione Europea Kiwanis 2013 a Berlino, Germania, 30 maggio-2 giugno. 

    Emendamenti

    Di seguito i risultati degli emendamenti proposti.

    Approvati

    • #1: Pubblicare più rapidamente le proposte di emendamenti e risoluzioni per permettere ai club di usufruire delle tariffe ridotte per partecipare alla Convention.
    • #2: Assicurarsi che le votazioni dell'assemblea di distretto siano il metodo normale di approvazione dei candidati alle cariche del Consiglio di Amministrazione del Kiwanis International, consentendo l'approvazione del Consiglio di Amministrazione del Distretto in circostanze eccezionali.
    • #3: Prevedere che un governatore di distretto abbia concluso la sua carica prima di annunciare ufficialmente la propria candidatura a trustee del Kiwanis International.
    • #4: Sospendere i rimborsi delle quote per i club che sono cresciuti di almeno il 25 percento.
    • #8: Chiarire le disposizioni in materia di condotta disdicevole per un officer del Kiwanis International.
    • #9: Chiarire che i club sono membri costituenti delle federazioni.
    • #10: Consentire flessibilità nella composizione del consiglio direttivo di una federazione.
    • #13: Stabilire che i controlli sui precedenti penali condotti da un distretto siano accettati dal Kiwanis International.

    Respinto

    • #6: Permettere che i club inviino alle convention di distretto un numero variabile di delegati, in base al numero dei soci del club.
    • #12: Limitare le spese e le procedure delle campagne elettorali per le cariche   Consiglio di Amministrazione del Kiwanis International.
    • #14: Ridurre i rimborsi per i past-presidenti del Kiwanis International.
    • #15: Cambiare il motto del Kiwanis International.

    Ritirato

    • #5: Sospendere l'esenzione dalle quote per i nuovi soci dei club che erano membri dei Programmi di Service e Leadership del Kiwanis.
    • #11: Esentare dalle quote del Kiwanis International i soci che si trovano in situazioni di disagio economico.

    Rinviato alla commissione

    • #7: Proteggere i club e i giovani serviti dai club dai soci che hanno comportamenti di turpitudine morale o il cui comportamento con minori sia stato precedentemente considerato illegale.

    Per leggere tutti gli emendamenti e l'intera risoluzione (in lingua inglese).

    La proposta di una risoluzione amministrativa per continuare nuove forme associative al Kiwanis è stata approvata. A memorial resolution was approved to pay tribute to past Kiwanis International President Ted R. Osborn, who passed away this year.

  • Con il dono di un iPad il dono della parola

    giu 26, 2013

    Hastings and his mother Sharon at the Greater Covington Kiwanis Club meeting

    Alla maggior parte delle persone un iPad cambia il modo di leggere un libro, di partecipare alle riunioni o di fare i compiti. Ma il Kiwanis Club di Greater Covington, in Louisiana, dimostra che i piccoli computer riescono a dare una voce ai bambini non-verbali con autismo.

    Un numero crescente di club della famiglia Kiwanis riconosce l'effetto positivo che l'iPad può avere sulla particolare istruzione di studenti con disabilità, come disabilità visive o diminuite capacità motorie a seguito di paralisi cerebrale. Il Kiwanis Club di Greater Covington, in Louisiana, è diventato grande fautore dell'iPad quando un rappresentante dell'associazione 'Families Helping Families' (Famiglie che aiutano Famiglie) ha ravvivato una riunione di club illustrando i tanti modi con cui l'associazione sostiene e assiste le persone con disabilità. Il portavoce ha illustrato la capacità dell'iPad di permettere ad un bambino autistico di esprimere e comunicare i suoi bisogni e desideri - messaggio che ha avuto un grande effetto su Kathy Smith, una socia del club che ha un'amica con un nipote autistico.

    “Poi una Domenica, durante la trasmissione '60 Minuti' (notiziario televisivo degli Stati Uniti), ho visto un servizio sull'iPad per i bambini con autismo, ed è stato così commovente", racconta la Smith.

    Grazie alla sua insistenza e l'aiuto di 'Famiglie aiutano Famiglie', il club ha incontrato la famiglia Savage, il cui figlio di 10 anni, Hastings, era il candidato perfetto.

    “Il ragazzo è venuto accompagnato dai suoi genitori e dal preside della sua scuola ad un incontro per ricevere l'iPad", racconta la Smith. "Credo che non ci fosse un solo occhio asciutto nella stanza quando la mamma e il papà hanno ringraziato il club. E i suoi insegnanti erano così felici di avere questo strumento come sostegno all'insegnamento del ragazzo.”

    Riflettendo sull'effetto del dono, Sharon, la madre di Hastings, ha poi dichiarato che "ora Hastings è in grado di collegare gli eventi della vita di tutti i giorni.”

    Lei ritiene che questo strumento è stato un aiuto fondamentale per lo sviluppo del ragazzo, il quale dimostra di voler imparare sempre di più e riesce a verbalizzare con i suoi insegnanti e terapisti meglio di prima. Grata per questo dono, la famiglia ora cerca un modo per fare una donazione per un'altra famiglia con un bambino autistico.

    “È stato un atto semplice, eppure la vita di un bambino è cambiata per sempre," dice la socia del club, Carol Llull. Il club ha iniziato una raccolta fondi con l'obiettivo di regalare ogni anno un iPad ad un allievo meritevole della comunità.  –Courtney Meyer

    Avete una storia del Kiwanis da condividere? Invitela a: shareyourstory@kiwanis.org  e la prenderemo in considerazione.

    Il vostro club Kiwanis ha mai fatto una raccolta fondi o un service connessi al problema delle disabilità? Raccontateci come, nella sezione commenti qui di seguito.

  • Basket e amicizia

    giu 19, 2013
    Plover Kiwanians at Bowl for Kids' Sake

    Big Brothers Big Sisters (BBBS - Fratelli e Sorelle maggiori) è un'organizzazione che si dedica a trovare amici-mentori che sostengono i bambini. Quindi un partenariato tra la BBBS del Wisconsin centro e il Club Kiwanis Plover è più che naturale, pensa Timothy Roman presidente del club. Ecco perché quando si trasferì in questa zona a metà degli anni 90 propose al suo nuovo club Plover quest'idea già collaudata dal suo ex club Kiwanis.

    Da oltre un decennio, il Kiwanis club e il suo club sponsorizzato CKI (Circle K International) presso l'Università del Wisconsin-Stevens Point invitano annualmente 15-20 "Piccoli" a cena al Pizza Hut prima di affrontare una gelida camminata verso la palestra dell'università, Fieldhouse Quant, per assistere ad una partita di basket. L'associazione BBBS organizza delle uscite di gruppo durante le quali viene assegnato un adulto ad ogni bambino. I nuovi iscritti detti "Piccoli" vengono abbinati ai mentori chiamati "Grandi" e i loro interessi e le loro personalità daranno vita ad amicizie proficue per entrambi.

    Quest'organizzazione ha fatto parte della vita di Roman da prima che diventasse Kiwaniano.

    “Mio fratello e mia sorella maggiori sono stati mentori", ci dice. "Ho avuto modo di conoscere un paio dei loro "Piccoli" nel corso degli anni e ho visto i benefici che derivano da questi rapporti.” 

    L'associazione BBBS ha avuto su Roman e la sua famiglia una profonda influenza. Oggi egli è membro del consiglio per il capitolo Wisconsin Centro, e come mentore scolastico, si vede con il suo "Piccolo" ogni mese per pranzare e giocare con lui. Sua moglie era mentore di un giovane della comunità già prima del loro incontro, e insieme continuano a mantenere una rapporto di sostegno con il ragazzo.

    La sua passione per l'organizzazione BBBS ha contagiato i suoi compagni Kiwaniani.

    "Questo è probabilmente il mio progetto di club preferito" dice Eric Molien, segretario del club. "È stata davvero una bella esperienza conoscere i miei "Piccoli" e inizio a pensare di voler diventare un "Grande" (per più di un giorno).”

    Inoltre il club Kiwanis partecipa ogni anno all'annuale raccolta fondi 'Bowl for Kids’ Sake' (Ciotola per il bene dei bambini) dell'Associazione Big Brothers Big Sisters di Wisconsin Centro. Lo scorso anno la squadra composta da Kiwaniani del club Plover è stata la maggiore donatrice.

    "È un'altra associazione, ma è molto vicina alla missione del Kiwanis di aiutare i bambini, perciò siamo sempre disposti a collaborare", dice ancora Molien.  –Courtney Meyer

    Se avete una storia del Kiwanis da condividere, inviatela a: shareyourstory@kiwanis.org e la prenderemo in considerazione.

    Il vostro club Kiwanis ha attivato un partenariato con un'altra organizzazione? Raccontateci cosa fate, nella sezione commenti qui di seguito.

blog comments powered by Disqus