Ultime notizie

  • Un sogno per i disabili

    mar 13, 2013

    Kiwanians cut a ribbon to ceremoniously open the new park

    Il Kiwanis Club Downtown Springfield, nel Missouri, è conosciuto per il suo aiuto ai bambini portatori di handicap. Nel 1937, il club ha aperto la prima scuola a Springfield specificamente per bambini con handicap fisici, sostenendola per molti anni prima che venisse inserita sistema pubblico scolastico. L'unico parco giochi “accessibile” nella comunità era questo … fino ad oggi.

    Negli anni successivi, al club iniziò a piacere l'idea di offrire una zona giochi senza limitazioni sociali o fisiche all'interno di un parco pubblico. Favorevoli all'idea, gli amministratori del parco locale accettarono di stringere una partnership con il club, offrendo progetti del parco giochi, obiettivi di budget e l'area del Jenny Lincoln Park. I progetti includevano scivoli, pannelli interattivi a livello del terreno e superfici ammortizzate facilmente accessibili ai disabili. Dovevano essere installate altalene adattabili conformi all'ADA (Americans with Disabilities Act) e l'area del parcheggio doveva avere una rampa.

    Sebbene la fondazione del club promettesse 11.000 USD, l'obiettivo dei 100.000 USD non era facilmente raggiungibile.

    “Si trattava di un progetto difficile, il più grande che questo club aveva mai affrontato in molti, molti anni”, ha dichiarato il tesoriere del club Carol Cruise. “Il nostro primo ostacolo era mettere d'accordo tutti i membri per questo progetto, il che significava molto lavoro e grande impegno. All'epoca eravamo un club di soli 40 membri. Era avvilente per molti di noi, perché avevamo paura di sbagliare”.

    Ma la perseveranza, le donazioni, due grosse raccolte fondi e donazioni personali e aziendali hanno consentito di raggiungere la somma necessaria per lo Springfield-Greene County Park Board in soli due anni. Nell'arco di un altro anno, il parco giochi e le modifiche sono stati completati. Il bus carico di bambini con bisogni speciali entusiasti che veniva dalla scuola elementare locale, in occasione della dedica e il riconoscimento dei leader della comunità sono stati la vera soddisfazione di questo lavoro.

    “Infine, il nostro successo ha reso il nostro club più forte. Anche se non siamo pronti ad affrontare un altro progetto di queste dimensioni, adesso crediamo di poter fare qualsiasi cosa”, ha dichiarato Cruise.  –Courtney Meyer

  • Ritorno a grande richiesta

    mar 06, 2013

    JiÃ…â„¢ina Bohdalová, Czech actor and storyteller, with a patient

    È iniziato come un semplice progetto di bambole Kiwanis. I membri del Kiwanis Club of Ostrava, Repubblica Ceca, hanno cucito qualche bambola di pezza per regalarla ai bambini ricoverati.

    Ai Kiwaniani è poi venuta l'idea di chiedere ad attori e cantanti famosi di decorare le bambole e stampare un calendario con le foto delle loro opere.

    Hanno quindi invitato le celebrità per la distribuzione delle bambole. Ai bambini sono piaciute moltissimo!

    “Abbiamo notato che gli occhi dei bambini si illuminavano quando hanno incontrato il loro attore o cantante preferito”, ha dichiarato il Presidente del club Eva Pastuskova. “Su richiesta di bambini e medici, abbiamo continuato con queste visite”.

    Lo scorso anno, le seguenti celebrità sono scese dal tappeto rosso per girare nei corridori dell'ospedale:

    Taťjána Medvecká, attrice presso il Teatro nazionale di Praga, non solo ha dipinto le bambole con i bambini, ma anche distribuito lettori DVD portatili e giocattoli.

    Michal David, cantante e compositore, si è portato dietro il suo nuovo CD. Ha inoltre cantato l'ultimo successo per bambini "Drinking Cola."

    "I bambini sono contenti se qualcuno va a trovarli per allietare la loro degenza e rasserenarli," ha dichiarato David.

    Jiřina Bohdalová, attrice ceca e scrittrice delle favole per bambini "Rákosníček" e "Pohádky z Mechu a Kapradí,” ha avuto molto successo tra i giovani pazienti. “I piccoli occhi si sono spalancati mentre ascoltavano la signora Bohdalová leggere un estratto della favola ceca ‘Křemílek a Vochomůrka.’ Si sono stupiti quando hanno realizzato che dà le voci ai questi personaggi in TV fosse lì con loro”.

    Josef Vojtek, cantante leader del gruppo rock Kabát, ha aiutato i membri Kiwanis a fornire attrezzature per la sala giochi dell'ospedale e si è esibito con una delle canzoni del gruppo, “Colorado.”

    "Io ho quasi tutti i CD di Kabát a casa”, ha dichiarato Luke, un fan undicenne “ma non avevo quello firmato da Mr. Vojtek. Ora è mio e non lo darò a nessuno".

    Il club Ostrava Kiwanis attualmente vanta 80 bambole dipinte dalle celebrità e pensa di mettere la collezione in mostra presso la biblioteca di Ostrava in occasione della celebrazione della Giornata nazionale del bambino, il 1º giugno.  –Jack Brockley

  • Ristrutturazione gioiosa

    feb 27, 2013

    Kiwanis Club with Mr. Grier

    Due club di service giamaicani stanno ripagando un calzolaio in pensione per il suo servizio alla sua comunità.

    Il desiderio di aiutare qualcuno molto bisognoso ha condotto il Club Kiwanis di Moneague da Hubert Grier, che ha sempre vissuto a Steerfield nella comunità di S. Anna e che 10 anni fa, in seguito ad un incidente automobilistico, è rimasto invalido. I Kiwaniani sono andati a casa dell'uomo di 87 anni: hanno trovato il tetto che perdeva, nell'abitazione non c'erano né bagno né cucina e tutt'intorno era pieno di sterpaglie.

    Fra i soci del club vi sono commercianti di materiali e apparecchiature, un imprenditore, un falegname e un decoratore d'interni, il club Kiwanis ha unito le forze e il portafogli con il Club Optimist di Golden Grove. Nel giro di 24 ore, la squadra ha riparato il tetto di Grier, costruito una cucina temporanea con fornelli, ha tagliato i cespugli intorno alla casa e gli ha procurato un letto nuovo. Gli hanno anche fatto un trattamento personale: un bel bagno con shampoo, taglio di capelli e manicure.

    Dapprima riluttante a ricevere estranei in casa, poi stupito per il lavoro compiuto, Grier "Si è seduto sul letto nuovo guardandosi intorno con un sorriso sul volto e non la smetteva di dire grazie, grazie", racconta la past-presidente del club, Donna Coombs. I gruppi di service hanno in programma di fargli visita regolarmente e portargli cibo e abiti. Si sono anche dati l'obiettivo di rivolgersi ad un ente di beneficenza giamaicano per ottenere una casa più confortevole, con bagno, per Grier. –Courtney Meyer

  • Computer scolastici

    feb 20, 2013

    Schoolchildren learn to use the new computers

    Spesso si dice che i rifiuti di alcuni sono un tesoro per altri. Un detto che non potrebbe suonare più vero nel caso dei computer dati ai ragazzi delle scuole di Timor Est.

    Una socia del Kiwanis, impiegata della Bell Potter, società di titoli e analisi finanziaria, viene a sapere della fusione della società. Dal consolidamento dell'inventario avanzano 180 computer portatili, ma la socia sa subito dove inviarli. Dopo il conflitto del 1999 che ha portato all'indipendenza Timor Est, il Distretto Kiwanis-in-formazione dell'Australia ha ricevuto una richiesta di aiuto alla quale ha risposto con un programma di 10 anni per fornire latte ai bambini di Timor Est. Grazie ai suoi collegamenti, Kevin Wood, coordinatore del progetto, ha immediatamente trovato una nuova destinazione ai computer della Bell Potter.

    "Sono stato molte volte in quelle zone, ogni volta gli studenti del luogo mi tempestavano di richieste per imparare ad usare il computer; ora sono felice e profondamente grato per questo passo da gigante nelle loro prospettive di formazione", dice Wood.

    Con una ditta di trasporti che ha donato il suo tempo per i due progetti, abbiamo organizzato diversi viaggi: un gruppetto impacchettava, consegnava e installava i computer in alcuni luoghi di lavoro accuratamente selezionati e consegnava il latte ai Collegi dei Salesiani di Don Bosco a Fuiloro, Comore, Laga, Lospalos e Maliana: alcuni di questi collegi sono noti perché preparano il maggior numero di dipendenti pubblici della nuova nazione.

    Padre José condivide i sentimenti positivi di Wood circa i possibili risultati della donazione. "Sì, i computer distribuiti da Kevin sono un grande vantaggio per i nostri studenti. Per la prima volta molti di loro hanno la possibilità di mettere le mani su un computer  e imparano in fretta "  –Courtney Meyer

  • Coloriamo i sogni

    feb 13, 2013

    Autumn in her renovated room with project co-chairs Jennifer Rickert and Adam Haynes and past president Roseann Jones.

    Autumn Brantley non è una comune bambina di 10 anni. Dall'età di due anni vive con una rara malattia autoimmune, l'anemia sideroblastica, che richiede trasfusioni di sangue ogni due settimane. Mentre aspetta il suo secondo trapianto di midollo osseo in due anni, il Kiwanis Club di Spring Hill, Florida, cerca di rendere il più magico possibile il tempo che passa in casa.

    Da uno spettacolo televisivo che mostra alcuni milionari che visitano le comunità povere e offrono assistenza, la past presidente del club Roseann Jones ha avuto l'idea di restaurare le camere dei bambini con malattie debilitanti. Qualche anno dopo, il club vicino a Autumn, la cui malattia la costringe a stare quasi tutto il tempo nella piccola casa della sua famiglia dove il suo sistema immunitario ha meno probabilità di essere compromesso, si è messo al lavoro.

     'Lo stupore della Jones per come la comunità ha accolto la prima destinataria annuale del suo Progetto "Sogni d'oro" è molto evidente . "La comunità si è mostrata molto partecipe", dice. "Autumn è una bambina splendida, con una meravigliosa personalità."

    La nuova cameretta di Autumn, dai colori smaglianti, progettata con grande audacia e con il contributo della bambina, è il risultato della generosità di tutta la comunità. Ad una cena di beneficenza in suo onore, il club ha raccolto 3.500 dollari, obiettivo più che triplicato. Le aziende e le singole persone hanno donato tempo e materiali, offrendo pavimenti, pitture murali e tanta compassione per una famiglia che ha avuto una vita così difficile. Courtney Meyer

    The renovated room

blog comments powered by Disqus