Ultime notizie

  • A pesca di amici

    giu 19, 2014
    Frittura di pesce: al Festival Internazionale di Musica di Buskers Street, Nils Allemann, Samuel Marschall e Marcel Lation aiutano il Club Kiwanis di Berna-Aare nella raccolta di 5.000 dollari per il progetto Eliminate.

    Ad un incontro di musicisti, artisti, cantanti e fan è sempre facile fare amicizia con tutti. Perciò, quando al Festival Internazionale di Musica di Buskers Street i volontari del Club Kiwanis di Berna-Aare, in Svizzera, ci mettono pure il profumino di fischknusperli, i famosi bocconcini di pesce fresco fritti, si fanno anche tanti amici.

    “Ogni anno a Berna si celebra il Festival Buskers", dice il socio Theo Riesen. "Migliaia di persone arrivano nella nostra capitale. È un'ottima occasione per far conoscere il Kiwanis e raccogliere fondi per il Progetto Eliminate".

    Mentre tutti fanno nuove amicizie e consolidano quelle antiche, più di 30 soci del Club Berna-Aare raccolgono 5.000 dollari per salvare e proteggere madri e neonati. — Cindy Dashnaw

  • Una poesia di ringraziamento

    mag 19, 2014
    Cristian Dragusin si è divertito così tanto ad un campo estivo sostenuto dal Kiwanis che ha composto una poesia di ringraziamento.

    Nuoto, giochi, lavoretti creativi e perfino imparare a fare iniezioni di sangue hanno ispirato Cristian Dragusin a comporre una poesia di ringraziamento al Campo Ray of Hope (Raggio di Speranza), programma rumeno sostenuto dal club Kiwanis in Romania, dalla Carolina del Nord, dalla Francia e dalla Fondazione del Kiwanis International.

    Abbiamo tutti preso l'autobus grandi e piccini
    Tutti con spirito di vacanza per quel che ricordo
    Al campo siamo arrivati
    Il cibo non mancava
    Divertimento, e tanti bei momenti insieme

    Anche se ci usciva il sangue
    Ci curavano,
    E subito
    Si ricominciava a giocare

    Splashing in piscina
    Oh, era fantastico
    Si giocava a tanti giochi
    Con cento nomi divertenti

    Anche quando pioveva
    Non eravamo desolati
    Si cambiavano i piani
    O semplicemente ci si riorganizzava

    Si andava al lago
    Non solo per la torta
    Si portava panini e bevande
    E si giocava sull'erba come fossimo re

    Alcuni giocavano a carte e vincevano
    La gioia era sempre con noi
    Perfino un mago è venuto al campo
    Oh, che campione

    Aveva un coniglietto
    Era tanto buffo
    Ci siam tutti vestiti da clown
    Con colori vivaci non solo in marrone

    Abbiamo fatto amicizia
    Da luoghi vicini altre regioni e nazioni
    Ci siam tanto divertiti tutti
    E speriamo si ripeta

    L'anno prossimo di sicuro
    Perché non esiste una cura
    Per l'emofilia, unico fattore
    Che otteniamo gratis come coagulatore

    Si era attentamente sorvegliati
    Quando si suonava o si facevano esercizi
    Da assistenti tanto amorevoli
    Sempre attenti e affettuosi

    E ora per finire il mio breve e modesto poema
    Vorrei ringraziare coloro che tutto questo ci hanno dato

    Potete leggere altre lettere dai campi Kiwanis sulla rivista con l'App per iPad (si può scaricare da Newsstand o all'App Store). Per saperne di più sul Camp Ray of Hope (Campo vacanze Raggio di Speranza) e altri campi del Kiwanis leggete il numero di giugno/luglio 2014 della rivista Kiwanis magazine.




  • Indagine genera un nuovo club satellite

    mag 16, 2014


    Il club satellite di Iron Mountain-Kingsford si riunisce per una pizza una volta al mese.

    Un sondaggio fra i soci ha confermato ciò che i dirigenti del Club Kiwanis di Iron Mountain-Kingsford, nel Michigan, già sospettavano: il numero dei soci diminuiva in modo significativo, in parte perché i numerosi impegni di lavoro non lasciavano più il tempo di partecipare alle regolari riunioni settimanali.

    Dar vita a un club satellite è stata una buona soluzione.

    "Il mio lavoro mi porta fuori città", spiega Bruce Rosen, socio satellitare e sindaco di Iron Mountain, la cui moglie, Jackie, è anch'essa socia del satellite. "Mi è impossibile andare alle riunioni regolari all'ora di pranzo”.

    E una volta al mese per la pizza alle 17:30?

    “Quest'orario si adatta meglio ai nostri programmi”, dice Rosen.

    Il satellite ha circa 12 soci e quattro o cinque provengono dal club tradizionale, osserva la presidente del club Cindy Novak, che paragona il gruppo ad un comitato speciale.

    “I nostri soci satellitari partecipano a tutte le attività che facciamo come club", dice Novak. "Presiedono anche alcune attività di tutto il club, come le annuali pulizie di primavera presso una sede di veterani, la festa di Natale del club e il nostro picnic estivo.

    “Anche i nostri Key Club e Aktion Club partecipano alle attività del Kiwanis e talvolta anche alle riunioni del club satellite". - Storia di Scott Pemberton

    Per saperne di più sull'impegno dei soci del club Kiwanis di Iron Mountain-Kingsford leggete la rivista Kiwanis magazine, numero di giugno / luglio 2014.

    Il Club Kiwanis di Iron Mountain-Kingsford si riunisce in un ambiente più tradizionale, in un club di paese.

    I soci che per motivi di lavoro non riescono a frequentare le riunioni tradizionali a Iron Mountain (sopra) si riuniscono mensilmente per una pizza, per le riunioni di club e per passare una serata fra amici (in alto). Spesso vi partecipano anche alcuni soci dell'Aktion Club che il satellite sponsorizza. | Foto di David Hakamaki
  • La semplice idea di donare un po' di tranquillità

    mag 05, 2014
    I bambini trascorrono insieme un momento tranquillo con gli album da colorare donati dal Club Kiwanis di Middletown.

    L'infanzia moderna è piena di giocattoli complessi e attività programmate; perciò è interessante che la semplice possibilità di colorare attiri ancora i bambini di oggi.

    Melody Wilson, segretaria del Club Kiwanis del comune di Middletown, in Pennsylvania, sembrava saperlo quando ha deciso di accogliere un progetto di service e creare centinaia di album da colorare per i bambini della zona.

    La Wilson era stata contattata dal dipartimento di polizia di Middletown con la richiesta rivolta al suo club di fornire album da colorare ai bambini della comunità per l'annuale festa di Natale, celebrata nel vicino Hoffer Park. In seguito ad un calcolo sui costi, la Wilson si è resa conto che sarebbe stato meno costoso creare gli album, piuttosto che comprarli.

    Melody è solita dire "Si va in laboratorio", come invito all'azione, a lavorare per un progetto Kiwanis dopo le riunioni di club a casa sua. Utilizzando un modello, il club ha disegnato illustrazioni semplici, facili da colorare, che piacciono sia ai bambini che alle bambine. Una volta stampate le pagine, i soci si sono divertiti ad assemblare i fogli e farne tanti album.

    Alla festa di Natale il successo degli album è stato immediato e da allora sono sempre stati richiesti. Sono stati donati centinaia di album al Caitlin Smiles, un ente di beneficenza che distribuisce agli ospedali kit per lavoretti creativi. Anche la produzione di album per le scuole elementari nella zona tiene i kiwaniani di Middletown alquanto occupati.

    “Svolgere attività semplici, come colorare con i bambini, aiuta i bambini ad aprirsi ad una maggiore comunicazione", dice Jessica Hoopes, insegnante della Scuola Elementare Fink. "Quando i bambini si aprono, sono più disposti ad esprimere i loro pensieri.”

    “La cosa che mi ha sorpreso di più", dice la Wilson, "è che perfino i ragazzini di 14 anni hanno chiesto di colorare. Non riuscivo a crederci. 'Ci piace colorare,' dicevano."

    "I bambini sono bambini e noi cerchiamo di arrivare a tutti ", dice la Wilson. — Laura Neidig

  • Semi di bontà

    mag 02, 2014
    I soci del Kiwanis di Mitcham cuciono e lavorano a maglia abiti, gonne, camicette, pantaloncini e magliette per i bambini dei paesi in via di sviluppo.

    L'impegno del Club Kiwanis australiano di Mitcham per aiutare i bambini si estende ben oltre i confini della sua città, e dei territori dell'Australia e della Nuova Zelanda. Con un progetto creato apposta per esprimere il senso di altruismo, il club confeziona abiti per i bambini delle famiglie in difficoltà nei paesi in via di sviluppo.

    “I nostri soci realizzano materialmente capi di abbigliamento adatti a bambini di tutte le età", osserva il segretario del club, John Lundy. "La cosa più difficile è produrli nelle giuste misure, ma questo lo abbiamo acquisito con l'esperienza. Come abbigliamento produciamo abiti, gonne e camicette per le ragazze, pantaloncini e magliette per i ragazzi. Le stoffe vengono da rimanenze e scampoli offerti da negozi di tessuti.

    “L'impegno dei nostri soci è solo una piccola parte di un'operazione più importante per aiutare le persone e i bambini bisognosi del Terzo Mondo. Siamo lieti di poter partecipare e sapere che il nostro impegno è d'aiuto.

    Il club confeziona l'abbigliamento e lo invia al Mission World Aid, un'organizzazione aconfessionale di beneficenza senza scopo di lucro. Mission World Aid ha sede ad Adelaide, in Australia e inserisce  l'abbigliamento all'interno di una spedizione molto più ampia che contiene anche libri di scuola, letti, forniture agricole, computer e altri beni.

    Il club ha avuto l'idea di questo progetto circa quattro anni fa, dietro suggerimento di un socio che aveva visto una presentazione sull'impegno che Mission World Aid dedica ai paesi in via di sviluppo.

    “Il club pensò che confezionare capi di abbigliamento per i bambini dei paesi del Terzo Mondo era un'opera meritevole e utile per chi è meno fortunato di noi", spiega Lundy. "Il nostro club trae beneficio in molti modi nel prender parte a questo progetto, e forse il punto uno degli Obiettivi del Kiwanis lo esprime al meglio: 'Rendere un servizio altruistico e costruire comunità migliori."

    “Nel nostro piccolo, stiamo facendo del nostro meglio per alcuni bambini bisognosi del mondo.” — Dick Isenhour

blog comments powered by Disqus