Ultime notizie

  • L'ora dello spuntino

    mar 20, 2014

    Northwest Indianapolis Kiwanis Club members collect snacks for delivery to homeless students.

    Sono le 6:30 di mattina, "Lucy" già vestita e alla fermata dell'autobus, è pronta per un altro giorno di scuola. Tornerà a casa non prima delle 16:30 e cioè 10 ore più tardi. Con solo il pranzo di mezzogiorno, sono tante ore per rimanere senza neanche uno spuntino per una bambina di sei anni.

    Ogni giorno però, mattina e pomeriggio, Lucy può mangiare una mela, sgranocchiare una barretta di muesli o bere un succo d'arancia, grazie al progetto di raccolta spuntini del Club Kiwanis di Indianapolis, Indiana. Il club invia frutta fresca e secca, acqua, succhi di frutta, crackers ed altro alle scuole del distretto di Pike Township. Questo premiato distretto scolastico comprende uno dei sistemi scolastici più grandi e diversificati dell'Indiana, ma molti studenti devono far fronte a diversi problemi, tra cui anche la povertà. Soltanto alla scuola superiore ci sono 160 studenti senzatetto. I prodotti alimentari del club Kiwanis, dicono gli operatori sociali, fanno la differenza:
    • Adolescenti che vivono soli e non hanno i soldi per comprarsi il cibo. Oppure hanno paura di chiedere pasti e spuntini alla persone presso cui abitano, nel timore di essere invitati ad andarsene.
    • Una studentessa senza casa e la sua famiglia abitano con una parente, ma lei si rifiuta di mangiare perché in casa ci sono gli scarafaggi.
    • Un'infermiera della scuola comprava con i suoi soldi gli spuntini per gli studenti diabetici che hanno bisogno di mangiare qualcosa per mantenere i giusti livelli di zucchero nel sangue. Ora la clinica della scuola riceve i prodotti alimentari dal Kiwanis per questi bambini.
    • Ogni venerdì una scuola elementare manda a casa bambini con zaini carichi di prodotti alimentari per aiutarli a superare la settimana. Verso mercoledì i bambini, dai 6 ai 12 anni, chiedeno già se è la "giornata dello zaino pesante", perché la famiglia è a corto di cibo. Gli spuntini del Kiwanis li aiutano a frenare la fame durante le lezioni.
  • Il Key Club entra in campo per il TMN

    feb 20, 2014
    A three-on-three basketball tournament, organized by the Key Club of Eastern Senior High School, raises funds for The Eliminate Project.

    Il Key Club della Scuola Superiore 'Eastern Senior High School' salva la vita giocando a basket e mette in rete più di 1.000 dollari per il Progetto Eliminate al suo torneo annuale di tre contro tre.

    “Holiday Hoops è uno dei nostri più grandi eventi dell'anno", osserva Rachel Leise, presidente del club Voorhees, nel New Jersey. "È un ottimo modo per attrarre altri studenti ad unirsi a noi per salvare vite umane. Inoltre è un modo divertente per raccogliere fondi e contribuire ad eliminare il tetano materno e neonatale.”
    L'ultimo torneo è il terzo organizzato dal Key Club. I soci hanno palleggiato con diverse idee di raccolta fondi prima di decidere per il torneo.

    “Volevamo fare una sorta di torneo sportivo che potesse ottimizzare la partecipazione degli studenti", osserva Bradley Trinkner, consulente di Facoltà. "Il Basket è un grande richiamo ed era abbastanza facile da organizzare. Mezzo campo di basket consente che si possano giocare diversi giochi alla volta e a rapidi intervalli, così è abbastanza facile muoversi attraverso la staffa.”

    Per promuovere il torneo di quest'anno, il club ha prodotto un video di 90 secondi che spiega il progetto Eliminate e invita gli studenti a giocare nel torneo per aiutare il club a raccogliere i fondi. Il video è stato mostrato durante gli annunci quotidiani della scuola per due settimane prima del torneo di metà dicembre.

    Come risultato 16 squadre hanno partecipato al nostro torneo e si sono presentati oltre 100 studenti per fare il tifo e guardare le partite. Il denaro è stato raccolto con le quote d'iscrizione (30 dollari per squadra) e la vendita di pizze e spuntini vari durante l'evento.
    “È sempre stato un nostro obiettivo fare una donazione al Progetto Eliminate", dice Trinkner. "Quasi tutta la nostra raccolta fondi è orientata verso questa causa. È un progetto del Distretto del New Jersey, volevamo un grande evento che portasse più denaro possibile in un colpo solo.”

    Il consulente del club e il suo presidente incoraggiano altri a organizzare eventi simili e suggeriscono che i club interessati seguano la seguente procedura:
    • Fare pubblicità.
    • Mantenere le quote d'iscrizione ragionevoli. Consentire agli spettatori di entrare gratuitamente e fare soldi  con la vendita di panini, bibite e spuntini..
    • Redigere una deroga a tutela del club in caso di infortuni. (Per gli eventi sportivi e altre attività della famiglia Kiwanis, incaricare un coordinatore della sicurezza a revisionare la copertura in base all'assicurazione del Kiwanis International e adottare misure per evitare incidenti e ridurre la responsabilità.)
    • Contattare gli studenti che amano il basket, ma non sono nella squadra di basket della scuola.
    • Reclutare uno studente DJ che si occupi della musica per tutto il torneo.
    “Il progetto Eliminate ha un obiettivo chiaro e la soluzione è così vicina", sottolinea Trinkner. "Saremo in grado di cancellare un'altra malattia dalla lista e salvare i bambini che altrimenti non avrebbero un'infanzia sana. È una causa semplice alla quale unirsi e stiamo già vedendo i benefici ". —Dick Isenhour

  • Quando il Kiwanis vince, anche i bambini vincono

    feb 20, 2014
    Children and adults relax in the new Scholastic Reading Oasis at the W. Verne McKinney Elementary School of Hillsboro, Oregon.
    Alla Kiwaniana Elizabeth Adams è bastato un attimo per iscriversi, ma la sua decisione di partecipare al concorso a premi della casa editrice Scholastic per un' "Oasi di Letttura" significa infinite ore di divertimento per i bambini delle elementari di Hillsboro, nell'Oregon.
    La Adams aveva notato lo stand della casa editrice Scholastic alla Convention del Kiwanis International lo scorso giugno 2013 a Vancouver, British Columbia. Pensò che sarebbe stato bello avere un'oasi di lettura in una delle scuole della sua comunità, decise di affidarsi alla fortuna, e ha vinto.
    Così, grazie a Scholastic e al suo Club Kiwanis di Hillsboro, i bambini della scuola elementare 'W. Verne McKinney' adorano l'Oasi di Lettura del valore di 10.000 dollari, completa di scaffali che contengono 1.200 nuovi libri, tanti pouf a sacco colorati, una panca imbottita, un tappeto storia e un lettore CD con le cuffie per ascoltare audiolibri. Scholastic è un Partner promozionale del Kiwanis International.
    “E' stato un grande dono", dice la Adams, che è presidente del Kiwanis Club Hillsboro. "L'alfabetizzazione e i libri sono fondamentali per tenere unita una società e una comunità. Sono stata felice quando ho saputo che questo dono andava ad una scuola della mia comunità." —Karen Pyle Trent

  • Bundles sostiene l'impegno scolastico dei bambini

    feb 20, 2014
    A member of the Kiwanis Club of Pointe-Noire Humanisme Amitie, Congo, helps distribute school supplies to local students.

    Imparare a scrivere è già abbastanza difficile, lo è ancora di più quando non si dispone di carta e matite. Se poi si è privi della capacità di sentire o di parlare la situazione diventa ancora più complessa.

     Ecco perché il Kiwanis Club Humanisme Amitie di Pointe-Noire, in Congo, ha fornito materiale scolastico a oltre 100 bambini con problemi di udito e di linguaggio.
    “Forniamo materiale scolastico ai ragazzi", spiega il Kiwaniano Charles Sauthat. Il nostro materiale comprende tutti gli articoli necessari come zaini, matite, quaderni, righelli, penne, matite colorate, gomme, gesso e lavagne.

     “Abbiamo intenzione di continuare a prenderci cura dei bambini, all'inizio di ogni anno scolastico, perché la maggior parte dei genitori, e anche il governo, non comprendono i particolari bisogni dei bambini sordomuti.”

     “Questo gesto va dritto al cuore dei bambini che ospitiamo", dice Peter Paul Zodialo, direttore dell'Istituto per sordi di Pointe-Noire. "Siamo fiduciosi che tutti gli scolari utilizzeranno questo materiale con cura." - Catherine Usher
  • Scambi di Origami

    feb 02, 2014

    Setsuko Sato and a paper crane
    Photo by Nobuaki Tanaka

    Uno dei simboli più rappresentativi della cultura giapponese è la gru in origami. Poiché il Kiwanis International va in Asia per la Convention di Tokyo-Chiba del 2014, vi invitiamo a scoprire questa antica arte e incontrare i kiwaniani di tutto il mondo.

    Fase 1: Conosciamo la storia della carta piegata. Nel numero di marzo della rivista Kiwanis magazine presentiamo Setsuko Sato, insegnante di Origami e socio del Club Kiwanis Sendai, in Giappone.

    Fase 2: Create uno stormo di gru. Sempre sul numero di marzo della rivista Kiwanis magazine troverete anche le istruzioni in stampa e un video per aiutarvi a realizzare le tradizionali gru del Giappone con la carta piegata. Provate a farne 10, 20 o quante ne potete portare alla Convention del Kiwanis International del 2014.

    Take our origami crane challenge and see how many paper cranes you can trade at the Kiwanis International convention in Japan this July 2014.

    Fase 3: Scambiatevi le gru.  E' risaputo che le Convention del Kiwanis International sono gli ambienti ideali per incontrare nuovi amici di tutto il mondo. Come modo per presentarvi, offrite le vostre gru agli amici kiwaniani che incontrate, oppure potete scambiarle con altri origamisti del Kiwanis.

    Fase 4: Condividete il momento. Scattate una foto di voi con il nuovo amico e le vostre gru di carta e postate l'immagine su Facebook, Twitter e Instagram.

blog comments powered by Disqus