Mentre guidava un'azione di soccorso per l'Ucraina, Bernard Altmann è stato ispirato dall'unità dei Kiwaniani.

Di Bernard Altmann
Ambasciatore del Fondo Kiwanis per l'infanzia, Regione Europa 1

Proprio all'inizio dell'invasione russa dell'Ucraina, noi kiwaniani in Europa abbiamo concluso che avevamo il dovere di aiutare, perché questa incommensurabile sofferenza stava avvenendo "alle nostre porte".

Ad esempio, i nostri club rumeni hanno adottato misure immediate per fornire alloggi e cibo ai rifugiati. Ma la maggior parte dei club locali non disponeva delle risorse finanziarie necessarie per fornire un sostegno diretto alle persone all'interno dell'Ucraina, per cui il Fondo Kiwanis per l'Infanzia-Europa ha contribuito finanziariamente. Abbiamo anche acquistato coperte, cibo e altri materiali necessari, tra cui scarpe e pannolini nuovi per i bambini rifugiati.

Ma voglio essere chiaro: il nostro sostegno all'Ucraina è un successo per tutti i club Kiwanis in Europa e oltre, non solo per un singolo distretto o gruppo di persone.

Un segno ispiratore
All'inizio della nostra azione di soccorso, abbiamo lanciato un appello ai distretti europei per un sostegno finanziario. I distretti europei si sono dimostrati immediatamente disponibili a partecipare e altri distretti e i loro club si sono uniti all'azione in tutte le parti del mondo.

Non è questo un segno chiaro e stimolante dell'unità di tutti i kiwaniani?

La maggior parte delle nostre donazioni è stata costituita da cibo e ingredienti per i pasti: farina, olio, zuppa in polvere, riso, latte e acqua. Ma siamo anche riusciti a fornire scialli, polvere da bucato, prodotti per l'igiene e altro ancora. E poiché i bisogni sono così grandi, di recente abbiamo fatto donazioni di stufe e grandi generatori.

In collaborazione con il governatore dell'Austria e con il contributo finanziario del Kiwanis Children's Fund-Europe, sette camion carichi di materiale di soccorso sono partiti dall'Austria alla volta dell'Ucraina, passando per la Slovacchia. Altri 13 sono partiti finora dal Lussemburgo - tre direttamente a Kiev e due in Slovacchia per un'ulteriore distribuzione in Ucraina. Gli altri otto hanno trasportato le merci al nostro deposito temporaneo in una fabbrica di scarpe a Vicovu de Sus, in Romania. Da lì, i volontari guidano camion più piccoli o auto private verso l'interno dell'Ucraina e anche verso il fronte.

Stimo che il valore totale di queste forniture di soccorso consegnate sia superiore a 1 milione di euro!

Altro da fare
A questo punto, analizzeremo la situazione e discuteremo la nostra linea d'azione. Per esempio, dovremmo pensare ai tanti bambini rifugiati in Romania e cercare di sostenere la loro integrazione sociale e la loro istruzione.

Abbiamo ancora molto lavoro davanti a noi. Ma siamo kiwaniani. Non ci arrenderemo finché ci sarà bisogno del nostro aiuto in Ucraina e nei Paesi vicini.

Bernard Altmann è membro del Kiwanis Club Mersch Uelzechtdall in Lussemburgo da quasi 30 anni. Attualmente è anche presidente della commissione sociale del distretto Belgio-Lussemburgo.

it_ITItaliano