Quando un incendio in Pennsylvania ha distrutto diverse case, i membri del Kiwanis sono entrati in azione.

Di Julie Saetre

I club Kiwanis spesso pianificano progetti per aiutare le loro comunità sulla base di indagini sui bisogni, discussioni con i leader della comunità e altre ricerche dettagliate. Ma a volte emerge una situazione urgente e i soci del Kiwanis entrano in azione per fornire un aiuto immediato.

Questa era la situazione il 29 maggio 2023 - festa del Memorial Day negli Stati Uniti - a Easton, in Pennsylvania. A metà pomeriggio, nella zona di West Ward della città, è scoppiato un incendio con sei incendi. Quando fu controllato, aveva danneggiato o consumato 15 case a schiera.

La devastazione ha lasciato senza casa 45 persone, tra cui genitori e figli. Quando Bill Walters, segretario e responsabile dei progetti speciali del Kiwanis Club di Easton, ha appreso la notizia, ha capito che il suo club poteva aiutare. Il giorno successivo all'incendio, i dirigenti del club hanno iniziato a organizzare un'azione di soccorso in collaborazione con altre organizzazioni della zona e con il consigliere comunale di Easton Taiba Sultana.

Per affrontare la questione urgente dell'alloggio per le persone colpite dall'incendio, la Third Street Alliance - un'organizzazione no-profit che offre rifugio e assistenza a donne, bambini e famiglie in difficoltà - si è offerta di aiutare. Altre organizzazioni si sono unite ai Kiwaniani per organizzare un pranzo per le persone colpite.

Allo stesso tempo, Walters era impegnato a garantire a questi individui fondi rapidi per spese urgenti come farmaci da prescrizione, occhiali e telefoni cellulari.

"Dopo l'incendio, ho inviato un'e-mail al gruppo dirigente del club, all'immediato past presidente, all'attuale presidente, al presidente eletto e al presidente della fondazione", racconta Walters. "Ho dato un suggerimento su ciò che ritenevo potessimo mettere insieme rapidamente".

Il Consiglio direttivo del Kiwanis Club di Easton ha approvato una somma minima di $3.000 dollari USA, basata sulla tesoreria del club, sui fondi del bilancio non erogati e sulle donazioni dei soci.

Aiuto in sei giorni
Domenica 4 giugno, a meno di una settimana dall'incendio, il club di Easton e la Full Gospel Cathedral hanno ospitato il pranzo. La Fidelity Bank e la sua direttrice di filiale, Linda Johnson, hanno fornito pizza, pasta e bevande, mentre i consulenti della Croce Rossa Americana erano a disposizione per l'assistenza ai traumi. I kiwaniani di Easton James Owen (presidente del club), Janet Owen, Nick Ciambrone e Dean Young (che è anche direttore esecutivo dell'Easton Boys and Girls Club) hanno distribuito una carta regalo $75 a ciascuno dei 45 ospiti.

"Oggi è stato un bel giorno per essere un Kiwaniano", ha detto Owens durante l'evento. "Questo ci ha permesso di assicurarci che ci fossero considerazioni e bisogni immediati/critici soddisfatti per quelle famiglie che avevano bambini. Questo è solo un inizio. La città di Easton e altre agenzie stanno lavorando insieme per assicurarsi che i bisogni di queste persone e di altre siano soddisfatti mentre la ripresa continua. Noi saremo presenti per fare la nostra parte".

Dopo il pranzo, il club di Easton continua a ricevere altre donazioni, che i soci distribuiranno alle persone colpite.

"La guarigione è iniziata", dice Owens. "Il cammino sarà lungo. L'amore guiderà il cammino e noi saremo al fianco per sostenere e fornire risorse al meglio delle nostre possibilità. Siamo Easton e siamo il Kiwanis".

Con un colpo di scena, la copertura dei social media per il rapido soccorso del club ha attirato l'attenzione di un'insegnante in pensione di Easton. Ha cercato informazioni sul club su kiwanis.org e ha chiesto di entrare a farne parte.

"Il nostro presidente dei soci ha parlato con lei", racconta Walters. "È così contenta che il Kiwanis si occupi di bambini che ha intenzione di partecipare alla nostra riunione della prossima settimana".

it_ITItaliano